6 stategie di distribuzione di contenuti che puoi seguire

Oggi è chiaro che i contenuti alimentino l’industria della comunicazione. Inoltre, il modo in cui ne usufruiamo è cambiato in modo tale che i professionisti abbiano ora l’opportunità di guardare più da vicino tutti i punti di contatto durante il percorso del cliente.

Nel frattempo, non c’è dubbio che i contenuti in eccesso siano diventati la maggiore preoccupazione. Tutti stanno creando contenuti. 400 milioni di tweets vengono generati giornalmente e 4.75 miliardi di posts sono condivisi ogni giorno su Facebook. Ovviamente, questo influisce sulla perdita di attenzione da parte del pubblico. Oggi andare al di là delle persone raggiunte in copertura, è una delle principali sfide delle pubbliche relazioni. Come possono i brands catturare il loro target di riferimento in un continuo e costante periodo di tempo?

Non mettere tutte le uova nello stesso paniere

La buona notizia è che la tecnologia ed il settore dell’informazione stanno ottimizzando le opportunità e creando nuove tattiche di distribuzione. Oggi puoi connetterti con il tuo pubblico su una scala di diversi livelli oltre la copertura stampa, dei blog, delle newsletters o delle condivisioni social. I media Earned, Paid e Owned stanno convergendo e gli esperti della comunicazione guardano ora i media con una visione più olistica, rendendola sempre più importante per sfruttare ogni strumento di distribuzione disponibile.

Ipotizzando che il loro sia un contenuto ottimo, che ovviamente è un requisito essenziale, essi svolgono un ruolo sempre più attivo nella realizzazione di strategie di diffusione creative.

Utilizza i cambiamenti di algoritmo della piattaforma a tuo vantaggio

La Native paid advertising sta trasformando il modo in cui distribuire i contenuti. Basata su argomenti ben studiati, la Native Advertising si relaziona con il pubblico mostrando i contenuti giusti al momento giusto. La Pubblicità Nativa non è un’interruzione, in quanto il contenuto sponsorizzato si fonde con l’argomento d’interesse dell’utente e questo è un modo per aumentare la reach del messaggio.

Abbraccia la nuova era del Distributed Content

L’utente ora visualizza i contenuti direttamente nel contesto in cui si trova, mentre prima doveva andare appositamente sul tuo sito o sulla tua piattaforma. Si tratta di un enorme cambiamento conosciuto come contenuto nativo o “distribuited content” che può essere una miniera d’oro per i professionisti della comunicazione. I produttori e gli editori potranno sempre più spostare i loro contenuti “nel flusso” in crescita delle connessioni da mobile. Questo è iniziato con i posts istantanei di Facebook che hanno aperto le porte alla varietà di piattaforme e formati…

Come possono gli esperti del settore cogliere l’opportunità che stanno offrendo questi nuovi canali di distribuzione  in forte crescita?

distribuzione di contenuti



Search article