Vetture elettriche e ibride: esiste un’onda verde a livello mondiale? Salone di Parigi 2016 –La macchina ecologica attira i riflettori | Kantar Media

Salone di Parigi 2016 –La macchina ecologica attira i riflettori

Il salone dell’Automobile di Parigi diventa ecologico

Creatori di tendenza, spazi d’intercambio, vetrine piene d’innovazione, i saloni continuano ad essere lo strumento di marketing ideale per l’industria automobilistica. Secondo i dati TGI di Kantar Media, in Germania, Spagna, Francia ed in Inghilterra, visitare un salone è la prima fonte d’informazione alla quale si ricorre per acquistare un’auto. Il Salone di Parigi, che è stato celebrato tra l’1 ed il 16 ottobre, non è stato un’eccezione alla regola, infatti ha riunito più di 200 marche e di 1 milione di visite.

Anche se già presenti da alcuni anni, in quest’occasione, le vetture elettriche e ibride sono state pienamente rappresentate nella maggioranza degli stand. Renault Trezor, Volkswagen I.D., Mercedes EQ, Toyota Prius Four rechargeable, Opel Ampera, Hyundai Ionic, BMW 100% elettrico, Smart Fortwo electric drive, Porsche Panamera, etc.: guidati sia dalle autorità pubbliche, che dalle pratiche del consumo, i fabbricanti hanno raddoppiato la creatività e il numero di innovazioni per rendere più ecologici i loro nuovi modelli. Quindi, il passaggio verso la macchina ecologica, possiamo dire sia una realtà, o un’illusione?

Vetture elettriche e ibride: esiste un’onda verde a livello mondiale?

Se normalmente una marca ha bisogno di tempo per imporsi in un settore competitivo, Tesla è un’eccezione. Il fabbricante americano, rivoluzionario nel campo dei veicoli elettrici, creatore del Sedan elettrico Model S e del SUV elettrico Model X, quest’anno ha fatto un gran entrata nel ranking BrandZ ™ 2016[1] e nel Top 10 delle marche automobilistiche più poderose del mondo. È nel mercato da solo 13 anni e la marca ha già preso il posto del grupo tedesco Volkswagen e dei suoi motori  diesel.

Quest’esempio è sintomatico di una tendenza di fondo del mercato mondiale dell’automobile: il risveglio del veicolo ecologico. In Giappone le colonnine elettriche di ricarica superano già numericamente ai distributori di benzina,  è un dato che fa dell’arcipelago il terzo mercato più grande di veicoli elettrici, preceduto solo dagli Stati Uniti e dalla Cina[2]. Altri stati europei, in particolare Francia e Norvegia, si distinguono per la loro politica di gestione degli incentivi. I consumatori sono maggiormente compromessi con l’ambiente e meno restii alle limitazioni tecniche ed economiche.

In molti paesi europei, la preoccupazione per l’ambiente è al giorno d’oggi un argomento di vendita usato per una clientela con una certa urbanitá e con redditi elevati... Peró non sono gli unici! Ciò che sorprende è il cambio che rivelano i dati TGI di Kantar Media tra l’intenzione d’acquisto, che era ancora debole all’inizio dell’anno (Inghilterra: 2,17%, Germania: 1,39%, Spagna: 1,35% Francia: 3,3%[3]) ed il numero ogni volta maggiore di europei preoccupati per la contaminazione ed i danni all’ambiente causati dall’uso della macchina. Una preoccupazione che esprimono almeno la metá dei cittadini francesi, spagnoli e tedeschi. Un altro dato rilevante: il 20% dei francesi, il 12% dei tedeschi ed il 10% degli inglesi assicurano che la protezione dell’ambiente sta diventando un criterio importante al momento di scegliere un veicolo... E se questo fosse solo questione di pochi mesi?


Green Car

Questa tendenza si é cominciata a notare nelle vendite del Salone di Parigi 2016. Le vendite del ZOE, il modello elettrico della Renault, hanno quasi raggiunto quelle della Clio, la sua vettura più venduta[4]. I fabbricanti hanno sottoposto a prova molti modelli di veicoli ecologici. Questi ultimi hanno avuto un gran sucesso anche nelle reti social, specialmente in Twitter. I modelli sperimentali di veicoli elettrici e ibridi hanno contribuito a fomentare le conversazioni nel Social Network con – secondo dati di Kantar Media – la maggior parte delle menzioni per la Renault Trezor e la Mercedes EQ, la marca elettrica di Mercedes. Dall’1 di ottobre il veicolo futurista Trezor è stato menzionato circa 10.000 volte.


[1] http://www.millwardbrown.com/brandz/top-global-brands/2016

[2] http://www.lautomobile.aci.it/articoli/2016/05/25/giappone-piu-colonnine-che-pompe-di-benzina.html

[3] Objetivo de audiencia según datos declarativos (mayores de 15 años)

[4] http://www.dailyonline.it/salone-parigi-2016-elettrico/




Search article